news

LA GIURIA DELLA XXVI EDIZIONE

giovedì, 17 gennaio 2013

L’Associazione per il Premio Italo Calvino è lieta di comunicare i nomi dei Giurati che valuteranno i manoscritti finalisti e decreteranno il vincitore della XXVI edizione:

Irene Bignardi

Maria Teresa Carbone

Matteo Di Gesù

Ernesto Ferrero

Evelina Santangelo

 

Note biografiche:

Irene Bignardi

Irene Bignardi ha studiato Lettere a Milano e Communications a Stanford. Ha lavorato a Repubblica, per cui è stata inviato di cultura culturale e critico cinematografico, fin dalla fondazione. Dal 2001 al 2005 ha diretto il Festival del Film di Locarno. Ha realizzato numerosi programmi culturali per la Rai e, dal 1985 al 1989, è stata direttore del Mystfest di Cattolica. Ha scritto, tra l’altro, Memorie estorte a uno smemorato, Vita di Gillo Pontecorvo, e Le piccole utopie (Feltrinelli). Per Marsilio ha pubblicato Americani, Un viaggio da Melville a Brando, Le cento e una sera e Storie di cinema a Venezia. Nel 2006 ha creato e diretto per le UN Desert Nights, un festival sulla desertificazione del pianeta. Collabora alla pagina culturale e al Venerdì di Repubblica, con Vanity Fair (per cui cura la rubrica di recensioni librarie) e con La7. È stata professore a contratto di storia del cinema presso lo Iuav diVenezia e, dal 2006 al 2008, presidente di Filmitalia.

 

Maria Teresa Carbone

Maria Teresa Carbone ha lavorato alle pagine culturali del “Manifesto” e in precedenza a diverse testate italiane e straniere. All’ attività di giornalista ha sempre affiancato anche quella di autrice e traduttrice. Ha pubblicato per Dedalo il volume I luoghi della memoria, 1986 e per gli Oscar Mondadori 99 leggende urbane, 1990, repertorio di cultura orale contemporanea. Fra le traduzioni, Lo schermo velato di Vito Russo, Costa & Nolan, 1983, ora ripubblicato per Baldini Castoldi Dalai, La follia di Almayer di Joseph Conrad, Garzanti, 1996, e Kim di Rudyard Kipling, Garzanti, 2003, Cenere sulla mia manica di Zoe Wicomb, Edizioni Lavoro, 1993, Le dotte puttane di Virginie Despentes, Fanucci, 1999. Insieme a Nanni Balestrini ha curato la trasmissione “Millepiani” sul canale satellitare Cult e il sito “Zoooom. Letture e visioni in rete”. Fa parte del comitato direttivo del festival “RomaPoesia” nonché della redazione di “Alfabeta2”.

 

Matteo Di Gesù

Matteo Di Gesù (1971) insegna Letteratura italiana all’Università di Palermo. Si è occupato di letteratura postmoderna, dell’identità italiana nella letteratura del Settecento e del primo Ottocento, del tema della mafia nella narrativa moderna. Ha scritto, tra l’altro, Il carattere degli italiani, vol.I (2012), Palinsesti del moderno (2005), Dispatrie lettere (2005), La tradizione del postmoderno (2003), oltre a numerosi saggi in riviste e volumi collettanei; ha curato Letteratura, identità, nazione (2009) e ha raccolto ne I paralleli (2009) gli articoli scritti per la rubrica omonima curata per «Giudizio Universale». Collabora con il domenicale del «Sole 24 ore», «Il Manifesto», «Orwell» e con altre testate cartacee e on line.

 

Ernesto Ferrero

Ernesto Ferrero (Torino, 1938) ha lavorato a lungo nell’editoria, dove è stato tra l’altro direttore editoriale di Einaudi e Garzanti, e direttore letterario di Mondadori. Dal 1998 è direttore del Salone Internazionale del libro di Torino. Tra i suoi libri, i romanzi N. (Premio Strega 2000), L’anno dell’Indiano, La misteriosa storia del papiro di Artemidoro, Disegnare il vento. L’ultimo viaggio del capitano Salgari e una biografia di Barbablù, tutti presso Einaudi; il saggio Lezioni napoleoniche (Oscar Mondadori), il monologo teatrale Elisa (Sellerio); i libri di memorie I migliori anni della nostra vita (Feltrinelli) e Rhêmes o della felicità (Liaison); una biografia per immagini di Italo Calvino (Album Calvino, con L. Baranelli, Oscar Mondadori), e Primo Levi. La vita e le opere (Einaudi). Traduttore di Flaubert, Céline e Perec, collabora a «La Stampa» e a «Il Sole 24Ore».

 

Evelina Santangelo

Evelina Santangelo è nata a Palermo.
 Insegna Tecniche della Narrazione presso la scuola Holden e collabora come editor con la casa editrice Einaudi, per la quale ha curato l’autobiografia di Vincenzo Rabito Terra Matta e ha tradotto Firmino di Sam Savage e Rock ‘n’ Roll di Tom Stoppard.
Presso Einaudi ha pubblicato la raccolta di racconti L’occhio cieco del mondo, i romanzi La lucertola color smeraldo, Il giorno degli orsi volanti, Senzaterra e Cose da pazzi (2012).

 

 

Le storiche Giurie del Premio, dalla prima edizione ad oggi, si trovano nella sezione TUTTE LE EDIZIONI / Giurie.