news

PARTIGIANO INVERNO di GIACOMO VERRI

venerdì, 19 ottobre 2012

Partigiano inverno
Giacomo Verri
Nutrimenti edizioni
Finalista XXIV edizione

 

Partigiano Inverno riscrive la Resistenza a settant’anni di distanza, elevandola a paradigma di ogni trauma che spacca il quotidiano, brucia e ferisce. Con un originalissimo stile espressionista, Giacomo Verri declina al presente la colossale esperienza di una lacerazione che ha cambiato la storia degli individui prima che quella scritta sui libri. Tre generazioni a confronto con l’abisso.

Sono i giorni d’Avvento del 1943, e uno scontro tra partigiani e fascisti segna il battesimo del fuoco della Resistenza in Valsesia. Il piccolo Umberto, che ha dieci anni e vive col nonno, sogna di fare lo stesso. Tutte le sere fa il presepe con il fratello del nonno, Italo Trabucco, professore in pensione tornato a Borgosesia da Vercelli, che gli eventi attuali obbligano al confronto con la propria inadeguatezza. Finché un giorno Italo viene arrestato, apparentemente senza motivo, torturato insieme ad altri venti e lasciato fuori, soltanto per caso, dal gruppo di dieci che finiranno fucilati.