appuntamenti

Presentazione di “Dalla mia casa non si vedeva il mare”

martedì, 18 ottobre 2016

Giovedì 10 novembre 2016

(18:30-19:00)

Libreria Bodoni / Spazio B

via Carlo Alberto 41, 10123 Torino

Maioli_locandina

Presentazione del romanzo “Dalla mia casa non si vedeva il mare” (Italic Pequod edizioni) con l’autrice Maura Maioli, Anna Nadotti (traduttrice e curatrice) e Mario Marchetti (Presidente del Premio Italo Calvino).

“Dora ha deciso di radunare i suoi nipoti nella vecchia casa di famiglia per un pranzo. Sta cercando di venire a patti con la sua vita e gli errori che ha commesso, risolvere alcune situazioni rimaste in sospeso. La sua badante Dashulia, che la sta aiutando con i preparativi, non riesce a capire come mai sia così difficile riunire la famiglia attorno a un tavolo. Per lei non ci sarebbe gioia più grande di stare con suo marito e i suoi figli. I nipoti, non senza ritrosie e ripensamenti, sono costretti a fare i conti con il ritorno alla casa della loro infanzia, trovandosi assaliti da ricordi che non sanno come affrontare, sentimentiche vorrebbero nascondersi ma che alla fine tornano a galla, e non c’è niente che possano fare per impedirlo.

Nonostante gli sforzi, sembra che alla fine Dora non riesca ad ottenere ciò che più desiderava, il pieno riscatto della memoria. Ma la sua è solo in apparenza la storia di una sconfitta, perché, come scrive Maura Maioli in un’intensa nota finale, la memoria è “l’unica cosa che possiamo opporre alla morte, il solo luogo in cui gli oggetti, i luoghi e le persone con le loro storie continuano ad agire. È lì che meticolosamente costruiamo il nostro passato per opporci alla fuga del presente. È lì, sul fondo, che qualcosa resta sempre, anche dopo la fine”.

Maura Maioli, insegnante e traduttrice, è nata a Rimini nel 1963, vive e lavora a Fano. I suoi romanzi sono Le colline del silenzio (Guaraldi 1995), finalista all’ottava edizione del premio Italo Calvino, Dila e gli altri (Pequod 2009) e Per un’estate sola (Italic Pequod 2012). Tra i diversi titoli tradotti si ricordano J. Conrad, I racconti dell’inquietudine (Guaraldi), H. Fielding, Che pasticcio Bridget Jones! (Sonzogno) e R. Sabbag, Con la neve fino agli occhi (Bompiani).

http://www.italicpequod.it/italicandpequod/prodotto/dalla-mia-casa-non-si-vedeva-il-mare/